Anrico e il futuro in B: «No ai brasiliani»

Time Warp Anrico presidente
foto Alberto Gandolfo

A poche ora dal trionfo nello spareggio, il presidente del Time Warp Yoram Anrico già detta le linee guida per il futuro in serie B

E adesso viene il bello. Oddio, Yoram Anrico ha già le idee chiare per il suo Time Warp. Tutto pianificato, o quasi, in vista della prossima stagione in serie B, a pochissimi giorni di distanza dal trionfo nell’infuocato spareggio con il Castellamonte. «Non ci siamo fatti trovare impreparati – afferma il patron – anche perché dal girone di ritorno abbiamo capito che il sogno poteva diventare realtà». Nulla di improvvisato, ma solo concetti chiari ed elementari: «Sicuramente a Cavallermaggiore non ci saranno brasiliani o giocatori che cercheranno di intaccare l’identità di questa realtà. Vogliamo continuare a crescere ma rimanendo sempre realistici e non facendo mai il passo più lungo della gamba. Se dovessimo l’anno prossimo retrocedere, non ne faremo un dramma ma faremo tesoro dell’esperienza fatta». Sarà un mercato chirurgico quello dei biancoverdi con le conferme che partono da Mirko Cucinotta: «L’età anagrafica non mi permette più di fare programmi di medio lungo periodo. Ho voglia di giocare un altro anno con questa maglia e divertirmi in serie B, poi credo proprio di essere arrivato ai titoli di coda». Manca ancora l’ufficialità ma il duo CavagliatoSichera, sarà nuovamente la strana coppia a vestire i panni dei timonieri. «Sono due ragazzi che si completano – afferma Yoram – sia caratterialmente che a livello di competenza».