Avis Isola da pole position con Cannella

Cannella Asti
Foto La Stampa

Arrivo a cinque stelle per l’Isola d’Asti che abbraccia Gioele Cannella, determinante il legame che lega l’ex Città di Asti con Sergio Tabbia

Gioele Cannella è ufficialmente un giocatore dell’Isola d’Asti. A dargli il benvenuto è Sergio Tabbia: «Tra poche ore metteremo tutto nero su bianco». Come da nostra anticipazione di qualche giorno fa, la trattativa ha subito avuto una piega favorevole nei confronti della società neopromossa in serie C1. Decisivo è stato il feeling che lega l’ex allenatore dell’Asti con il laterale offensivo: «Siamo onorati di avere la prossima stagione un giocatore – prosegue Tabbia – della sua caratura. Ci darà sicuramente una mano, ma nonostante questo non dobbiamo perdere di vista il nostro punto di riferimento, in quanto la salvezza rimane l’obiettivo primario così come la crescita di una società neofita che ogni anno cerca di fare un passo alla volta». Avis Isola sotto i riflettori, per un colpo di mercato tra i più importanti del panorama piemontese, favorita soprattutto dalle priorità di Cannella che ha deciso di mettere in secondo piano il futsal. Questo è uno degli elementi che hanno determinato la separazione dal Città di Asti che nel frattempo si è cautelata con l’arrivo di Willy Negro, dopo quelli di Ongari e Sachet. «Siamo ben consci – prosegue Tabbia – dei suoi impegni lavorativi, ma questo non è un problema basilare per noi. Sappiamo che magari dovrà saltare qualche partita ufficiale ma sotto questo aspetto ci siamo già chiariti». Cannella, cambia società e anche numero, visto che capitan Modica si terrà stretto il numero dieci. Dettaglio di poco conto, per un giocatore che si trasferirà in una società quasi a conduzione familiare, ma che nell’ideale griglia di partenza della prossima C1 rischia ora di guardare tutti dall’alto.