Avis Isola, Tabbia: «Ho rischiato la vita col portiere di movimento ma non è un caso»

Dopo la vittoria con il Castellamonte il mister dell’Avis Isola Sergio Tabbia ha parlato dell’avvio di stagione dei suoi e di alcune scelte

2 su 2 per il nuovo Avis Isola di Sergio Tabbia nel campionato di Serie C1 piemontese. L’esperto allenatore ha parlato ai microfoni di Andrea Trovato dopo la vittoria con il Castellamonte:

VITTORIA – «Qualunque categoria alleni cerco di fare il mio meglio e prima di tutto devo fare i complimenti al Castellamonte che lotta da tanti anni ad alti livelli e anche questa volta ci ha messi in difficoltà. È una squadra senza nomi clamorosi per il calcio a 5 ma ha grande carattere e determinazione»

PORTIERE DI MOVIMENTO – «Ho rischiato nuovamente la vita col portiere di movimento. Però ci tengo a sottolineare che non è un caso se abbiamo segnato 8 gol in due partite con questa tattica. Lo abbiamo allenato per due ore e mezza in settimana, non me lo sono inventato. Poi ci vuole anche un po’ di fortuna in certe situazioni, ma non basta quella»

CAMPIONATO – «Il campionato è breve e penso basti perdere due partite, forse solo una, per uscire dai giochi della promozione diretta. Bisognerà stare molto attenti e quindi c’è da prendere di buono il risultato di oggi e la notizia negativa è che perderemo Baladelli per squalifica e Karaja per una distorsione. Non siamo tanti, oggi eravamo poco più che contati e se si potrà interverrò ancora sul mercato degli svincolati».