Avis Isola verso la Lastrigiana, Tabbia sereno: «Non dobbiamo avere paura»

avis isola tabbia
La carica di Sergio Tabbia durante un timeout

Per l’Avis Isola di Sergio Tabbia inizia domani il percorso nella fase nazionale dei playoff di Serie C1 con la trasferta toscana di Lastra a Signa

Parte dunque dalla Toscana la rincorsa dell’Avis Isola verso la serie B, dopo un lungo periodo di pausa dovuto alla mancata disputa dei playoff regionali. La compagine di Sergio Tabbia andrà a far visita alla Lastrigiana, nel triangolare in cui figura anche il Sedico fresco vincitore proprio contro i toscani nella gara d’esordio dei playoff: «Sarà senza dubbio una sfida difficile». L’ex allenatore dell’Asti presenta la prima gara del suo Avis Isola nei playoff: «Siccome è un triangolare, sarà basilare non perdere. Anche un pareggio andrebbe bene, ma in questa disciplina è vietato fare calcoli perché si corre il rischio di fare una brutta figura. In primis vogliamo fare bottino pieno». I ragazzi terribili di Sergio Tabbia, sono pronti all’ennesima impresa: «La Lastrigiana è un’ottima squadra ed ha giocatori esperti, noi però dobbiamo scendere sul parquet senza alcuna paura, in quanto non abbiamo nulla da perdere. Loro avranno invece tanto da perdere perché una loro mancata vittoria li eliminerebbe dai giochi». Il taccuino del timoniere astigiano, è denso di notizie utili per cercare di tornare dalla trasferta di Lastra a Signa con la speranza almeno di giocarsi tutto poi nello scontro diretto contro il Sedico: «Guardando la prima sfida, posso dire che siamo di fronte a due ottime squadre, ben attrezzate per raggiungere l’obiettivo della serie B. La sconfitta della Lastrigiana forse è stata eccessiva e per tale motivo dobbiamo giocare come se fosse una finale». Dall’infermeria arrivano brutte notizie, con Ottavio Balladelli costretto ad alzare bandiera bianca per colpa di un problema al menisco.