Bonus collaboratori sportivi: perché il Decreto Sostegni bis non è stato varato?

Il Presidente del Consiglio Mario Draghi

Le incertezze sull’ammontare del bonus collaboratori sportivi crescono sempre di più soprattutto dopo l’ennesimo rinvio del Dl Sostegni bis

Doveva essere il giorno tanto atteso. Il Decreto Sostegni bis avrebbe dovuto iniziare in data odierna l’iter di approvazione dal Consiglio dei Ministri e invece il Governo Draghi si è riservato di prendere ancora qualche giorno di tempo. Prima che venga messo tutto nero su bianco bisognerà aspettare ancora qualche giorno. Molto probabilmente sarà la settimana prossima quella decisiva, ma visto il recente passato è molto rischioso fare delle previsioni.

Ma qual è il motivo di questo ritardo? L’esecutivo sta studiando delle soluzioni di sostegno per chi dovesse essere reintegrato nel mondo del lavoro tramite degli sgravi fiscali per le aziende che assumono. Il discorso del bonus collaboratori sportivi non è stato intaccato rispetto agli altri giorni. Intanto i lavoratori dello sport attendono di conoscere il contenuto del Decreto Sostegni bis, anche per avere la certezza dell’indennità riconosciuta per le mensilità di aprile e maggio. Per adesso le notizie ufficiose affermano che verranno erogati tramite le seguenti fasce:

  • 3.600 euro ai soggetti che, nell’anno di imposta 2019, hanno percepito compensi relativi ad attività sportiva in misura superiore ai 10mila euro annui;
  • 2.400 euro ai soggetti che, nell’anno di imposta 2019, hanno percepito compensi relativi ad attività sportiva in misura tra 4mila e 10mila euro annui;
  • 1.200 euro ai soggetti che, nell’anno di imposta 2019, hanno percepito compensi relativi ad attività sportiva in misura inferiore ai 4mila euro annui.