Brahim Diaz, obiettivo Milan: DNA da futsal e i like di Ricardinho

brahim diaz futsal
(foto Instagram Brahim)

Tra gli obiettivi di mercato del Milan è entrato recentemente Brahim Diaz, talentino spagnolo che vanta parecchi legami con il mondo del futsal

Sono in molti a considerare Brahim Diaz uno dei migliori Under 21 in circolazione. Il classe ’99 è entrato di prepotenza nei radar del Milan (clicca qui per leggere la notizia su calcionews24.com) e può vantare già un curriculum di primo livello che l’ha visto trasferirsi alla tenera età di 14 anni dalla sua Malaga al Manchester City, salvo poi sposare la causa del Real Madrid nel gennaio del 2019. Ora, per completarne al meglio la crescita, la Casa Blanca ha deciso di spedire in prestito Brahim, con il club rossonero costretto a divincolarsi dalla folta concorrenza delle varie Granada, Betis, Getafe e Real Sociedad, probabilmente non le uniche formazioni a voler tesserare il giovane talento svezzato anche dal futsal. Già, perché Brahim Diaz ha accarezzato, come molti coetanei in Spagna, il calcio a cinque nelle giovanili del Malaga, acquisendo così straordinari fondamentali tecnici, capacità nel dribbling e velocità di pensiero, tutte qualità che contraddistinguono il suo gioco. Un amore per il futsal ereditato da papà Sufiel Abdelkader, nato e cresciuto a Melilla, città autonoma spagnola in territorio marocchino, fondatore di una piccola scuola di calcio a 5, Cruz de Humilladero, nel 2008: in seguito, “Sufi” è poi diventato agente e talent scout, collaborando con l’agenzia di Pere Guardiola (fratello di Pep) e tra i suoi assistiti più in vista c’è il mancino del Barcellona Junior Firpo, accostato anche all’Inter nei mesi scorsi. Brahim Diaz è ora diventato famoso scegliendo, per comodità e semplicità, il cognome della madre e tra chi lo considera un futuro “crack” del calcio mondiale c’è anche Ricardinho. L’asso portoghese del futsal, da poche settimane un nuovo giocatore dell’ACCS Paris, non fa infatti mai mancare il suo supporto e la sua stima al giovane Brahim, come testimoniano i ripetuti like e complimenti social da parte del miglior giocatore europeo nella storia del calcio a cinque.