Calcio a 5: La proposta di Ingrascì per le società piemontesi

Real Mirafiori - Mimmo Ingrascì con il capitano Fabio Ingrascì (Foto Facebook: Mimmo Ingrascì)

Nell’emergenza coronavirus, riceviamo e pubblichiamo la proposta dell’allenatore del Real Mirafiori Mimmo Ingrascì rivolta alle società piemontesi di calcio a 5

Tempo di quarantena, di crisi economica e di tante altre sfaccettature che condizionano la nostra vita quotidiana. Anche le società piemontesi non fanno eccezione e per rendere meno pesante questa situazione riceviamo e pubblichiamo l’idea di Mimmo Ingrascì, cuore pulsante del Real Mirafiori società militante nel campionato nel girone B di serie C2. “Faccio una proposta rivolta a tutti i lavoratori dipendenti che come me in questo periodo di emergenza stanno percependo uno stipendio: se ciascuno di noi mettesse 10€ in un conto comune e il raccolto lo mettessimo a disposizione delle piccole società sportive di Torino che sono in difficoltà?… Magari non salviamo tutte le società sportive di Torino, ma se siamo tanti ne possiamo sicuramente salvare un buon numero. Se per esempio siamo 10.000 persone raccogliamo 100.000 Euro totali e possiamo dividerli su 100 società dando loro 1.000 Euro ciascuno. Questo potremmo farlo ogni mese fino a fine emergenza. Per noi che stiamo percependo uno stipendio, 10€ al mese non ci cambiano la vita. Naturalmente chi vuole può donare di più. Cosa ne dite?”