Caso Bartilotti, la replica di D’Alonzo: “Ecco tutta la verità”

d'alonzo bartilotti
Stagione 2015-2016: Enea D'Alonzo e Francesco Bartilotti sanciscono l'accordo (Foto Facebook Francesco Bartilotti)

Dopo la denuncia via social di Francesco Bartilotti, arriva la replica del Real Dem per mano di Enea D’Alonzo, cuore pulsante della società abruzzese

Ha fatto sicuramente “rumore” la denuncia di Francesco Bartilotti. Il giocatore di proprietà del Real Dem annunciava via social il fatto di esser stato tesserato con la società abruzzese contro la sua volontà tramite una firma falsa: “E’ tutto vero e mi prendo la responsabilità, non mi nascondo dietro ad un dito; ma ad un’azione corrisponde una reazione e la verità non è uscita del tutto”. Le parole sono quelle di Enea D’Alonzo, il cuore pulsante del Real Dem: “Bartilotti, dopo un’esperienza sfortunata a Cosenza, cercava una nuova società. Lo abbiamo preso quando aveva 16 anni ed è stato un giocatore a cui ho dato piena fiducia da subito, sia in serie B che in A2, oltre che nelle giovanili”. L’estremo difensore abruzzese fa subito vedere le sue qualità tra i pali, tanto da essere convocato dalla Nazionale nel raduno rivolto ai giovani emergenti: “Il giocatore ha grandi qualità e per tale motivo viene avvicinato dal procuratore Andrea Candeloro che vuole prendere la sua procura: il tutto non avviene perché è ancora vincolato, non avendo compiuto ancora 25 anni”. Così arriva il trasferimento al Sammichele visto che il Real Dem dopo la promozione in Serie A2 non ha molta fortuna nel confermarsi in categoria. Bartilotti desidera rimanere nel giro della Nazionale e confermarsi in A2. Il Sammichele è la sua nuova realtà grazie al trasferimento avallato dal Real Dem, proprietaria del cartellino. “Candeloro però stava dietro ancora al ragazzo perché voleva farlo entrare nel suo portafoglio clienti – prosegue D’AlonzoCosì mi arriva una lettera in cui mi veniva comunicato che Bartilotti si era svincolato grazie al cambio di residenza a Milano tramite l’articolo 111, il quale evidenzia un vuoto normativo visto che non ne specifica la motivazione di tale cambiamento. Un gesto ingiustificato da parte di Bartilotti, in quanto a Milano lui non c’è mai stato né per lavoro, né per studio, tanto meno per giocare a futsal”. La Real Dem si sente colpita alle spalle: “Ci siamo sentiti presi in giro e per tale motivo non ci siamo arresi”. L’anno successivo Bartilotti firma per il Maritime Augusta, in quanto la lettera di svincolo arriva in ritardo e nonostante tutto il Real Dem avalla l’ennesimo trasferimento, segnale di non voler opporre resistenza alle volontà del ragazzo. Al termine della stagione con il Maritime, si concretizza dunque lo svincolo di Bartilotti. Il Prato, che nel frattempo aveva ufficializzato Andrea Candeloro come nuovo Direttore Sportivo, è interessato alle sue prestazioni sportive ma il trasferimento non si concretizzerà questa volta, in quanto il cartellino è ancora in mano alla Real Dem, la quale non permette il tesseramento al portiere classe 1996 tramite una firma (falsa) apportata da D’Alonzo, punito successivamente dalla Procura Federale con squalifica e multa annessa: “Sono disposto ad essere deferito e pagare la multa ogni anno affinché tutti possano conoscere la verità”.