Cisternino a fine corsa: addio ufficiale alla Serie A

cisternino tifosi
Lo spettacolo della curva giallorossa (foto Facebook Cisternino - Recchia)

La notizia ormai era scontata da qualche giorno, ma ora è diventata ufficiale: il Futsal Cisternino lascia la Serie A

Ennesimo addio alla massima serie è dunque quello del Futsal Cisternino che abbandona dopo appena una stagione. La situazione pareva ormai disperata dopo che anche l’allenatore prescelto per il prossimo campionato, Leopoldo Capurso, aveva postato sul suo profilo Facebook parole che non lasciavano più dubbi. Proprio tramite social network è arrivata la conferma dalla società pugliese: “Con profondo dispiacere, rammarico e senso di impotenza, diramiamo questo comunicato che mai avremmo voluto scrivere e far leggere a chi ci ha sempre sostenuto, sin dai nostri primi passi nel regionale e/o nel nazionale. Il Futsal Cisternino comunica in maniera ufficiale che non completerà l’iscrizione alla prossima serie A. Ahinoi è una scelta tanto dura quanto necessaria, per non macchiare la nostra storia e per continuare a vivere in maniera trasparente e chiara. Purtroppo, come già accennato molteplici volte, il massimo campionato di futsal è tanto affascinante, quanto – giustamente – dispendioso, sia in termini economici, che fisici e mentali, e al momento, con le iscrizioni che sono in procinto di chiudersi, non abbiamo le possibilità materiali di disputare ciò che ci siamo conquistati con il sudore, la fatica e i sacrifici sul campo.
E’ un momento brutto. Triste. Malinconico e grigio. Ma ci sembra doveroso ringraziare chi ha contribuito a sognare con noi in questi anni: dai tifosi, vero fiore all’occhiello di questa società, emblema di amore verso i colori del nostro paese e punto invidiato da tutta l’Italia, ai giocatori e lo staff che in questi anni hanno lavorato sodo per raggiungere risultati straordinari e magnifici, non mancando mai di professionalità, all’amministrazione comunale, che in quest’ultimo periodo ci è stata molto vicino, cercando di soddisfare le nostre richieste, ai dirigenti che sacrificando le proprie famiglie hanno creduto nel progetto giallorosso che con il passare del tempo è diventato sempre più una questione di cuore, agli sponsor che hanno onorato sino all’ultimo gli accordi presi, standoci vicini nei momenti più difficili e permettendoci di alzare sempre di più la nostra asticella e la Block Stem, che per anni è stato il nostro main partner, che abbiamo portato con orgoglio, fierezza, felicità e soddisfazione sul petto e che con innumerevoli sforzi ci ha permesso di sognare ad occhi aperti, dalla B alla A. A voi tutti, nessuno escluso, il nostro grazie di cuore per essere stati parte integrante di una storia bellissima. E’ una favola che non può e non deve terminare così. Ne siamo consapevoli. Nonostante tutto proveremo a ripartire, ricaricando le pile e creando un nuovo progetto che possa riunire tutte queste componenti e dare nuovamente lustro alla nostra regione e ai nostri territori, che meritano di essere portati con immenso orgoglio sul petto e sul cuore di tutti noi.
Siamo a lavoro per capire come muoverci per far si che questa favola continui, anche abbassando ambizioni e asticella, ma che non cessi definitivamente.  Speriamo, con il cuore in mano, di riuscirci e di ritrovarci sugli spalti con immutata passione e amore verso ciò che rappresenteremo”.