Città di Asti, Lotta sale sul banco degli imputati

lotta allenatore città di asti
Gianfranco Lotta è tornato a sedersi sulla panchina del Città di Asti

All’indomani della sconfitta con il Pavia, il tecnico del Città di Asti Gianfranco Lotta al centro delle critiche insieme a Mendes

Durante la disfatta contro il Pavia, dalle tribune del PalaSanquirico una voce rompe il silenzio: «Basta con questo portiere di movimento, giochiamo come sappiamo fare». Il presidente Riccardo Averna alza la voce, stufo e annoiato di un inizio di stagione a dir poco deludente. Al suono della sirena scendono nel tunnel degli spogliatoi il patron Bruno Scavino e il Direttore Generale Giovanni Trombetta. «Non abbiamo fatto uno schema, anzi quando siamo riusciti a farlo li abbiamo messi in difficoltà». Inizia con queste parole lo sfogo del presidente della Brumar: «Mi sono stufato, perché ho visto un gruppo incapace di lottare. Abbiamo disputato una gara pessima sotto ogni punto di vista. Nono dobbiamo parlare degli assenti, ma di quelli che scendono sul parquet. Mi hanno deluso tutti, in primis l’allenatore che non è riuscito a fornire una scossa alla squadra durante la partita. La mossa del portiere di movimento non è servita a nulla perché l’abbiamo applicata nella maniera sbagliata. Mi è sembrato che questi giocatori non tengano a questa maglia. Nessuno che abbia lottato, che abbia vinto un contrasto, e poi il numero dei falli totali commessi è il segno eloquente di una squadra vuota e senza mordente». Il capo chino di Erik Tropiano è l’immagine emblematica di una prima squadra in crisi. Antonio Celentano, astigiano doc, non riesce a capire le origini di questa debacle: «E’ inutile nascondersi, è un brutto periodo. Il PalaSanquirico con queste metrature così ampie non ci aiuta, in quanto facciamo fatica a renderci pericolosi». Il miglior antidoto per vedere la luce in fondo al tunnel può essere la finestra di mercato di riparazione, oramai alle porte. Al rientro tanto agognato di Cannella già da questo sabato, si può aggiungere un volto nuovo. Trombetta sta vagliando infatti alcuni profili. Nel frattempo sul banco degli imputati salgono soprattutto Gianfranco Lotta e Mendes. Il direttivo sta analizzando la loro posizione in queste ore.