Clamoroso Città di Asti: già esonerato Battaia

battaia fiscante città di asti
Fiscante e Battaia, gli allenatori che si sono succeduti sulla panchina del Città di Asti

Meno di un paio di mesi è durata la permanenza di Battaia sulla panchina del Città di Asti, sollevato dall’incarico dopo le prime sconfitte del 2018

Il Città di Asti ha sollevato dall’incarico di allenatore della prima squadra Alessio Battaia. La decisione è stata resa pubblica nella serata di ieri dopo la sconfitta in Coppa Divisione con il Carrè Chiuppano: «Umanamente mi dispiace moltissimo». Con queste parole il Direttore Generale Gianfranco Lotta commenta l’esonero di Battaia: «Il direttivo ha ritenuto opportuno fare questa scelta, io ho potuto solo prendere atto della notizia in quanto non ne faccio parte. E’ stata una decisione che personalmente mi lascia amareggiato soprattutto considerando la persona». Si interrompe dopo solo sei partite disputate in campionato la permanenza di Alessio Battaia sulla panchina biancorossa: due vittorie, due pareggi e due sconfitte lo score. Un feeling che ha avuto alti e bassi, come l’approdo di quest’estate ma durato solo un paio di settimane per poi iniziare nuovamente il diciotto novembre con lo sfortunato esordio casalingo contro il Videoton Crema. «La società ha fatto degli investimenti importanti – prosegue Lotta – testimoniato anche dall’arrivo di Santin in questo mercato invernale. Diciamo che la sconfitta contro il Carmagnola ha pesato e non poco sulla decisione presa». I conti non tornano, soprattutto considerati gli investimenti fatti. Si cambia l’allenatore ma non l’obiettivo stagionale: «Vogliamo ambire alla promozione in serie A2, questa è una squadra con dei giocatori importanti». Nelle prossime ore verrà ufficializzato il successore di Battaia: Fabio Miglia da vice, prenderà in mano le redini della prima squadra. Da escludere un ritorno in panchina di Gianfranco Lotta: «Non ci sono i presupposti perché ciò avvenga».