Da Rocco a Simone: quando il futsal è un’isola De Felice

Rocco e Simone De Felice (foto: Facebook)

Il talentino della L84, fresco di convocazione con la Nazionale under 19, è l’esempio concreto della passione per il futsal tramandata da padre in figlio

E adesso viene il bello. La convocazione al primo raduno stagionale della nazionale under 19, per Simone De Felice è soltanto un punto di partenza. Un “piccolo” traguardo un po’ come la sua carta d’identità ma dalla grande tecnica con quel mancino che può risultare letale per le difese avversarie. Vedi per esempio l’ultima edizione del Torneo delle Regioni, in cui il Piemonte riuscì a trionfare nella categoria under 17. Classe 2003, con la L84 è da sempre stato abituato ad allenarsi con compagni dalla maggiore età anagrafica, perché è anche così che inizi ad apprendere i trucchi del mestiere. Il papà Rocco è uno dei tanti appassionati di questa disciplina, capace di portare a masticare al figlio la dose giornaliera di futsal tanto da trasformarla nella sua grande passione. Rocco De Felice nel calcio a cinque non è solo un papà, ma anche uomo di campo, prima nei panni da giocatore e poi da componente fondamentale nella famiglia della L84. Fargli indossare la maglia neroverde a Simone è stato il minimo, ma quando ci si è accorti il feeling particolare con la sfera, allora si è iniziato a capire come oltre al divertimento, Simone potesse dare anche qualcosa a questa disciplina. Orange Futsal e Aosta sono abituate a mettere a disposizione i propri talenti per la Nazionale che verrà, ma da oggi a questa lista prestigiosa si potrà aggiungere anche la L84.