Domus Bresso, sarà ancora Battaia il nome giusto?

alessio battaia domus bresso
Per Alessio Battaia si aprono le porte della Domus Bresso (foto cittadiasticalcioa5.it)

La Domus Bresso stringe i contatti per riabbracciare Alessio Battaia e affidargli la panchina dopo l’esonero di Ferri

Alessio Battaia è ad un passo nel sedersi sulla panchina della Domus Bresso. Dopo aver sollevato dall’incarico Alberto Ferri, la società lombarda è sulle tracce dell’ex allenatore del Futsal Monza. I contatti sono avviati, anche dovuti al fatto che Battaia ha prima indossato i panni del giocatore e poi di allenatore della Domus Bresso. Una scelta che in fondo non porta uno scossone nell’ambiente visto che sarebbe un gradito ritorno. Milanese, classe 1983, Alessio Battaia rappresenta il nuovo che avanza. Il punto più alto lo ha toccato con il Futsal Monza del presidente Rosario D’Onofrio, attuale Responsabile dell’area tecnica del Lecco. Con la società monzese, Battaia ha raggiunto i playoff, grazie al quarto posto raggiunto, per poi fermarsi a cospetto del Villorba. Subito dopo, l’annuncio di chiusura dell’attività da parte del presidente D’Onofrio. Il lavoro svolto però non passa inosservato, così il Città di Asti lo chiama per sostituire Manuel Fiscante. L’esperienza non porta i frutti sperati e la sconfitta in casa contro la MyGlass Elledì Carmagnola viene pagata a caro prezzo, con l’esonero dopo appena due mesi dal ricevimento dell’incarico. Adesso il futuro dice Domus Bresso. Il classico ritorno al passato.