Final Eight: Feldi di misura, Tres e Patias decidono il derby

tres
Tres festeggia il passaggio in semifinale della Feldi Eboli (foto Divisione Calcio a 5)

Bastano due reti di Tres e Patias alla Feldi Eboli per avere la meglio sulla Sandro Abate Avellino. Ora la vincente tra Acqua e Sapone-Came

La Feldi Eboli si aggiudica con merito il derby contro la Sandro Abate Avellino, trionfando per 2-0 grazie alle reti di Tres e Patias. Perez prova a tenere a galla i suoi, ma il predominio tattico rossoblù e un super Grello fanno la differenza. Eboli che aspetta in finale la vincente di Acqua&SaponeCame Dosson.
Eboli o Avellino? A Rimini si incorona la regina di Campania. Terzo derby per le due formazioni, con il parziale che dice un pari ed un successo per la Sandro Abate. Ma si sa, questa competizione fa storia a sé e tutto può succedere. Feldi Eboli che ritrova Canabarro dopo un lunghissimo infortunio, Avellino senza lo squalificato Fantecele e con Nicolodi non in perfette condizioni. Inizio di gara, come da previsioni, molto equilibrato, con ritmi non elevatissimi. Ma al 3’ la storia del match può cambiare: Bagatini atterra Romano al limite dell’area, Di Resta non ha dubbi e concede il calcio di rigore. Dal dischetto si presenta Patias che apre il piattone e colpisce il palo pieno, nulla di fatto. L’episodio negativo non demoralizza l’Eboli che continua a fare la partita, con la Sandro Abate che soffre. Provano ad accendersi prima Grello, poi Luizinho, ma Thiago Perez risponde presente. All’8’ sono però i biancoverdi a sfiorare il vantaggio con Dal Cin che si fa respingere la conclusione dall’estremo ononimo. Dopo il break avellinese, torna a spingere la Feldi e al 12’ arriva un’occasionissima per Patias, che ruba palla a Testa ma a tu per tu si fa ipnotizzare ancora da uno strepitoso Perez. Sandro Abate più pericolosa quando Dal Cin sostituisce Kakà da falso pivot, dall’altra parte l’Eboli può far ruotare ben tre terminali offensivi come Patias, Dani Chino e Caruso. A 3’ dalla fine la magia di Crema, che supera con un tunnel lo stesso Patias ma dai 7 metri non trova lo specchio. Chiude comunque in attacco l’Eboli, prima con un 2 contro 1 neutralizzato da Kakà, poi con un clamoroso palo dalla lunghissima distanza di Caponigro. Al duplice fischio è 0-0.
La ripresa comincia ancora con la Feldi padrona della manovra e la Sandro Abate rintanata nella propria metà campo. Al minuto quattro, sale in cattedra Canabarro che ci prova per ben tre volte, ma Perez è ancora una saracinesca. Al 5’ altra ottima giocata collettiva degli uomini di Riquer, con Tres che conclude però a lato. Avellino alle corde, Eboli che accelera. Al 6’ la partita si sblocca: Tres prende palla da posizione centrale, si allarga sulla sinistra e punisce Perez sul suo palo, è 1-0 meritatissimo per la Feldi. Avellino che si sveglia e prova a reagire, ma ancora Tres in scivolata salva su Nicolodi. All’11 Grello pericolosissimo su proiezione centrale, ma il tiro si spegne a lato. Un minuto più tardi ancora protagonisti i due migliori in campo, con Perez che si esalta sulla conclusione di un superlativo Grello. A 6’14’’ dalla fine, coach Batista capisce che i suoi sono in difficoltà e ci prova con la carta del portiere di movimento. Stasera però la Feldi Eboli è praticamente perfetta e dopo aver difeso con qualità l’inferiorità numerica, al 18’ chiude i conti con il 2-0 firmato da Patias, ancora su assist di Grello. A nulla serve la reazione d’orgoglio dei lupi che ci provano nel finale con Kakà che colpisce una traversa e con Nicolodi che viene respinto da Dal Cin.
Finisce 2-0 per la Feldi Eboli, che ha meritato il successo dall’inizio alla fine. Più vivace, più intraprendente, con una manovra più fluida la squadra rossoblù. E con un Grello così, si può davvero sognare. Alla Sandro Abate sono mancati forse i suoi uomini migliori, uno su tutti Fantecele, è mancato un po’ anche il coraggio, la personalità, elementi imprescindibili in queste notti magiche di coppa Italia.
Feldi Eboli – Sandro Abate Avellino 2-0
Marcatori: st 6’00” Tres, 17’45” Patias.