Final Four Coppa Serie C1: il Val d’Lans e L’impero dei Lupi per pochi intimi

val d'lans final four coppa serie c1
(foto Facebook Val d'Lans)

La Final Four Coppa Serie C1 ha rispettato i pronostici della vigilia e consegnato il trofeo regionale nelle mani del Val d’Lans

Festa grande all’interno del “branco”: i Lupi portano a casa la Final Four Coppa Serie C1 e confermano il proprio dominio nel panorama regionale, accedendo così alla fase nazionale della Coppa Italia. Battuto il Pasta in un’infuocata e controversa semifinale terminata ai supplementari, il Val d’Lans ha poi tramortito nell’atto conclusivo il Top Five cui non è riuscito il secondo capolavoro dopo aver estromesso il Fucsia dalla competizione. Una manifestazione che noi di TiroLibero avremmo voluto ancora una volta potessero seguire tutti gli appassionati tramite le nostre dirette Facebook, mettendo a disposizione la competenza dei nostri telecronisti, ma soprattutto il nostro tempo e la nostra passione. Perché di passione si tratta e si tratterà sempre. Eppure c’è chi ancora non lo capisce. Una delle quattro società impegnate ha seccamente rifiutato la nostra richiesta di un modestissimo contributo economico che, tra parentesi, sarebbe bastato a malapena per rimborsare l’operatore video e i telecronisti. Per colpa di uno, ci rimettono tutti? Sì, purtroppo, è una questione di principio. Sia chiaro, ognuno è libero di fare e pensare ciò che crede, così come di poter scegliere il modo migliore per investire il proprio denaro. Ciò che dà fastidio è altro. La mancanza di rispetto per esempio, il negare anche solamente un civile confronto o una benché minima spiegazione. Dedichiamo ogni settimana non meno di 30 ore delle nostre vite per mantenere il sito aggiornato di risultati, classifiche, marcatori, informazioni e notizie e ci battiamo ormai da anni per la diffusione del futsal. Non lo facciamo per lavoro o per soldi (saremmo morti di fame e di sete, evidentemente) e a chi sostiene il contrario consiglierei un soggiorno prolungato dallo psichiatra. E tanto meno ci può interessare sentirci dire che siamo bravi e belli (già, perché io in particolare sono anche bello, sarete mica invidiosi??). Però il rispetto pensavamo di averlo conquistato “sul campo”, con il sudore, l’impegno e la fatica di questi anni. Si è persa un’occasione, l’ennesima di un calcio a cinque piemontese ancora infestato dal provincialismo: migliaia di persone in tutta Italia avrebbero potuto scoprire e ammirare il Val d’Lans, le gesta sportive di una squadra e di un sodalizio attualmente tra i migliori del panorama regionale. Ma la crescita e la maturità di una società si misurano non soltanto con i risultati sportivi. Un atteggiamento da lupi solitari più che da branco unito che sa come sostenersi a vicenda, un vero peccato perché le basi per poter scrivere pagine storiche ci sono tutte. Ma la storia è fatta dagli uomini, ancor prima che dagli eventi. Insomma, il vostro sarà probabilmente sì, L’impero dei Lupi, ma solo per pochi intimi. Contenti voi…