Fracci ci crede: «Dovremo limitare il portiere di movimento del Lecco»

real cornaredo fracci
Renato Fracci si appresta a vivere la sfida playoff con il Lecco

Sabato pomeriggio dedicato ai playoff di Serie B con una sfida durissima per il Real Cornaredo di Fracci, impegnato contro li Lecco

Renato Fracci ci crede. Il suo Real Cornaredo è chiamato all’ennesima impresa stagionale. A Lecco c’è da difendere il 3-2 maturato nella gara di andata, per poter accedere alla finale dei playoff: «Sarà una gara difficilissima ma noi siamo stati abituati a non porci limiti». Per arginare la furia agonistica di Arellano e compagni, la lavagnetta di Fracci ha dovuto firmare gli straordinari: «Abbiamo preparato la gara nei minimi particolari – prosegue l’allenatore – certo è che dobbiamo essere in grado di limitare al minimo la giocata del portiere di movimento». Per fare in modo che dalla teoria si passi alla pratica, le frecce a disposizione di Fracci risultano però essere sempre meno, viste le assenze tra i pali di Alessio Meraviglia e di un giocatore di movimento come Davide Villa: «Dispiace, ma non è la prima volta che affrontiamo una gara così impegnativa con queste premesse. Basti pensare che Spampinato e Masullo, per problemi lavorativi, non li ho più a disposizione». Così, il Lecco sembrerebbe partire con un leggero vantaggio: «Loro sono stati costruiti per andare in serie A2, basta leggere la loro distinta – afferma Fracci – Noi non abbiamo questo obbligo ma essendo da parecchi anni in queste posizioni di vertice non ci dispiacerebbe affatto andare fino in fondo. Sarebbe un bel regalo per tutti noi». L’ennesimo visto l’accesso alla Final Eight di Coppa Italia: il Real Cornaredo ci ha preso gusto.