Francy e la Calipso Band, è una vittoria all’italiana

Con un gioco efficace e concreto, Francy e la Calipso band respingono al mittente le ambizioni di tiki-taka di una Juventus di Koko dal sangue iberico

Italia – Spagna è una gara che più di altre rappresenta un mondo a parte: per il tricolore ci sono Francy e la Calipso band in verde che, nel pieno della tradizione, gioca di forza, sacrificio e folate personali. Per gli iberici ci sono i bianchi della Juventus di Koko che per vocazione patriottica scelgono un palleggio veloce e corale con verticalizzazioni improvvise ma quando arrivano a far paura a Romoli ecco che la lucidità si appanna e faticano a concretizzare. Così la prima frazione, sul piano del risultato, è bloccata per quasi tutta la sua durata: più volte i bianchi si sono infilati tra le linee verdi ma poche volte, al momento decisivo, si sono mostrati freddi nel colpire. Sul fronte opposto i verdi faticano a mostrare un gioco corale fluido e decidono in più di un’occasione di provare con qualche folata personale. L’azione che sblocca il match riesce ad Ambrosino quando ormai il primo tempo volge al termine con il numero 29 verde che spacca in due la formazione avversaria con un’accelerazione repentina e con l’appoggio di Garello trova il giusto angolo di tiro per rompere il glaciale equilibrio. Il vantaggio italico dura poco ed è Guinoval Gutierrez a dimostrare di aver imparato dagli avversari a siglare il momentaneo pareggio con un’azione personale con la quale, grazie anche ad un pizzico di buona sorte, vince un paio di rimpalli e fa ammattire un paio di avversari prima di depositare la sfera alle spalle di Romoli. La pausa non è lunga anche perché le temperature sono rigide e l’unico modo per scaldarsi è correre in campo. Gli spagnoli cercano di riscaldare il loro cuore con sfrenate corse mentre la band si dimostra più efficace con meno sforzo. Subito i verdi dimostrano le loro qualità con Garello che, con ottimo senso della posizione, resiste alla retroguardia avversaria per girarsi e scaricare di potenza in porta riportando i suoi in vantaggio. Questa volta la reazione spagnola non scalfisce gli avversari che trovano anche lo spunto per la spallata al match sempre con la coppia Ambrosino-Garello con il primo che costruisce affinché il secondo possa concretizzare. I veloci folletti spagnoli faticano a contrastare, sul piano della forza, gli avversari e poco dopo sono costretti ancora una volta a soccombere dopo una girata spalle alla porta: questa volta è Fassina ad allargare il parziale prima che Garello dimostri anche grandi doti di coordinazione battendo al volo siglando la sua tripletta personale. Gli iberici annaspano alla ricerca del bandolo della matassa e l’urlo di giocare “a la muerte” gridato da Valle Gutierrez Jodra arriva quando ormai manca troppo poco. Alle parole il numero undici bianco fa seguire i fatti prima sfiorando il palo e poi trovando la via del gol ma il cronometro corre veloce e poco dopo la sirena sancisce la vittoria della Francy e la Calipso Band.

CAMPIONATO CALCIO A 5 – GIRONE B

FRANCY E LA CALIPSO BAND – JUVENTUS DI KOKO 5-2
MARCATORI: pt 21’19” Ambrosino, 23’33” Guinovat Gutierrez; st 2’30”, 8’57”, 16’25” Garello, 12’21” Fassina, 22’29” Valle Gutierrez Jodora
FRANCY LA CALIPSO BAND: Romoli, Zizzi, Cavallera, Gollè, Fassina, Garello, Ambrosino.
JUVENTUS DI KOKO: Ayesta Rumero, Carbonell Gual, Fabero Carrascos, Gravalos, Guinovart Gutierrez, Mongelos Amill, Valle Gutierrez Jodra.
NOTE: Ammoniti Cavallera e Valle Gutierrez Jodra.
MIGLIORI IN CAMPO: Garello – Valle Gutierrez Jodra

Juventus di Koko

Francy e la Calipso Band