Futsal Euro 2018: Lima non ce la fa, con Fortino aumenta il peso offensivo

lima nazionale futsal euro
Capitan Lima è dunque costretto ad abbandonare il torneo (foto Gabriel Lima)

Niente da fare per Gabriel Lima, costretto al forfait definitivo dopo le brutte sensazioni di ieri: lo sbarco di Robocop Fortino dona nuova soluzioni tattiche a Menichelli per questo Euro Futsal 2018

L’Europeo di Gabriel Lima è già terminato. Purtroppo le sensazioni negative percepite dopo i primi controlli sono stati confermati dagli esami clinici a cui il capitano della Nazionale si è sottoposto. La risonanza magnetica lascia poco spazio ad ulteriori interpretazioni: doppia lesione del retto femorale. Fatale è stato il contrasto di Kocic a pochi secondi dalla sirena, nella gara d’esordio degli azzurri disputata martedì contro la Serbia. I tempi di recupero non sono certamente brevi, o quantomeno, da poter rientrare durante la competizione continentale. Per tale motivo il commissario tecnico Roberto Menichelli ha chiamato, al posto del giocatore dell’Acqua&Sapone, Rodolfo Fortino. Il pivot dello Sporting Lisbona si è già aggregato al gruppo e sarà già disponibile per la gara di questa sera quando gli azzurri incontreranno i padroni di casa della Slovenia, in una Arena Stozice che si preannuncia completamente esaurita. L’Italia così perde subito una pedina fondamentale nello scacchiere di Menichelli, ma nello stesso momento riabbraccia un giocatore protagonista ad Anversa 2014 come “Robocop” Fortino. Una scelta che andrà in parte a modificare le strategie del nostro tecnico: meno spazio al 4-0 e più presenza fisica in fase d’attacco con un secondo pivot che possa alternarsi con De Oliveira. Anche perché è assolutamente probabile che Robocop possa subito scavalcare nelle gerarchie più di qualcuno nel nostro roster. Esperienza internazionale e fiuto del gol fanno di Fortino sicuramente un puntello fondamentale in fase realizzativa. Ex giocatore dell’Asti, dal 2015 ha sposato il progetto dello Sporting Lisbona, in cui ha fatto incetta di trofei e gioie personali come, per esempio, due campionati nazionali vinti. Classe 1983 e forza fisica completano il profilo di un giocatore chiamato a lenire l’assenza di Gabriel Lima. Un motivo in più per cercare di replicare l’impresa di Anversa.