Futsal Euro 2022: Italia fai il tuo dovere contro il Belgio e vola in Olanda

(Foto: Credits FIGC)

Azzurri pronti a staccare il pass per Euro 2002 insieme a Croazia, Russia, Bosnia, Kazakhstan e Spagna: Portogallo, ci sei anche tu?

Solo quaranta minuti potrebbero dividere l’Italia di Massimiliano Bellarte da Olanda 2022. In caso di un successo odierno (ore 19, diretta tv su Raisport) gli azzurri staccherebbero il pass per i prossimi europei con due giornate di anticipo. Dopo la netta vittoria casalinga di ieri della Finlandia ai danni del Montenegro, se Mammarella e compagni oggi facessero bottino pieno, le due gare di metà aprile in Belgio e contro il Montenegro a Prato, sarebbero una pura formalità. Uno squarcio di azzurro nel cielo divenuto grigio dopo la mancata qualificazioni ai mondiali in Lituania.

LEGGI ANCHE – NAZIONALE ITALIANA, LA CARICA DI MURILO E DE MATOS: “PUNTIAMO IL PIU’ IN ALTO POSSIBILE”

Check-in quasi pronto anche per la Croazia di Mavrovic, alla quale basterà un pareggio, il prossimo 7 aprile in Albania, per trionfare nel gruppo 1.

Insidia transalpina, invece, per la Russia, attuale capolista del gruppo 2, che sul parquet di Schelkovo ospita oggi (fischio d’inizio h 15.00) i galletti di Francia, a distanza di 72 ore dalla sfida di Parigi. Prova a restare in scia la Georgia, attualmente seconda, domani di scena in Armenia.

LEGGI ANCHE – FUTSAL EURO 2022 – I RISULTATI DAI GIRONI: RISCATTO FINLANDIA

Alle 17.30, a Ciorescu, si potrebbero decidere le sorti del gruppo 3: i padroni di casa della Moldavia tenteranno il sorpasso ai danni dell’Azerbaigian, che a sua volta, con un successo avrebbero il biglietto ormai in tasca per le fasi finali degli Europei.

Biglietto che potrebbe staccare già domani sera la Bosnia Herzegovina che a Zenica ospita la Romania. In caso di successo, i ragazzi di Krezo sarebbero irraggiungibili anche per Nord Macedonia e Serbia, in campo stasera alle ore 19.

Anche il Kazakhstan sente ormai profumo di tulipani: mister Kakà sta dominando il girone 5 e il 6 Aprile a Budapest potrebbe già festeggiare la qualificazione. Domani, intanto, al Maccabi House, Israele e Ungheria proveranno a guadagnare punti importanti per la corsa al secondo posto e agli spareggi di novembre.

Spareggi che, a meno di eventuali sorprese, dovrebbero evitare i campioni in carica della Spagna, attuale al comando del gruppo 6, ospite quest’oggi in Lituania. In caso di successo le furie rosse sarebbero già qualificate, a meno di un improbabile exploit casalingo della Svizzera contro la quotata Slovenia.

Tutto incerto, infine, nel gruppo 8: dopo il pareggio in Portogallo, la capolista Repubblica Ceca ospita oggi i lusitani (fischio d’inizio ore 15.00) per ipotecare una sorprendente qualificazione. Spettatrice interessata sarà la Polonia, che al momento divide la prima piazza con i cechi, ma con una gara in più disputata.