Il portiere di futsal: analisi delle prestazioni nei campionati nazionali maschili

mammarella portiere di futsal
Il numero uno dei portieri italiani, Stefano Mammarella (foto Facebook Acqua&Sapone)

Uno studio quanto mai dettagliato e approfondito quello dedicato da Davide Gandolfi all’analisi delle prestazioni del portiere di futsal nei campionati nazionali maschili

Quanti interventi è chiamato a fare un portiere di futsal durante una partita? Da dove arrivano le conclusioni avversarie? Esistono differenze tra le diverse categorie dei campionati nazionali? Possono dunque, dall’analisi dei dati, ricavarsi elementi utili alla programmazione dell’allenamento specifico del portiere?
Prendendo in esame 60 prestazioni degli estremi difensori nella stagione scorsa, equamente distribuite tra Serie A, A2 e B maschili, Davide Gandolfi, fino alla scorsa stagione preparatore dei portieri dell’Elledì Carmagnola, ha cercato una risposta a questi interrogativi. Partendo da aspetti generali, che spesso concorrono anche nel sentire comune a definire e valutare la prestazione di un portiere, l’analisi ha preso successivamente in esame tutti i gesti principali che un portiere è chiamato a fare durante una partita. Si scopre così, scorrendo le pagine, che la Serie A2 è la categoria dove si registrano meno interventi a partita, che gli estremi difensori della Serie A hanno la maggior percentuale di interventi efficaci e che per i colleghi della Serie B è più probabile trovarsi a fronteggiare conclusioni scagliate dall’interno dell’area di rigore. Ne nasce una fonte di informazione a disposizione sia degli addetti ai lavori, tanto preparatori dei portieri che allenatori e staff tecnico, sia di semplici curiosi e appassionati che vogliano immergersi in numeri e percentuali, ma non solo. Non mancano infatti, tra le righe, possibili chiavi di lettura dei dati emersi, perché se è vero che i numeri possono venire in aiuto, per massimizzarne l’utilità ed interpretarli correttamente è sempre necessario affidarsi anche all’esperienza e filtrarli in base alla specificità della squadra e degli atleti a disposizione e presi in considerazione.
Clicca qui per consultare il documento completo