L’anno nero della Rapp Femminile: dal trionfo di Foligno alla rinuncia al TdR 2019

rapp femminile
L'esultanza dopo la rete di Parlagreco che spianò la strada nella finale del TdR 2018 (foto Lega Nazionale Dilettanti)

Dalle stelle alle stalle in meno di un anno: la Rapp Femminile che rinuncia al Torneo delle Regioni 2019 è il sintomo definitivo della grave crisi che attraversa il movimento di Piemonte e Valle d’Aosta

Era il 28 aprile 2018, una data che gli appassionati piemontesi e valdostani difficilmente potranno dimenticare: la Rapp Femminile batteva la Sicilia in finale e conquistava uno storico alloro al Trofeo delle Regioni. A meno di un anno di distanza dal magico pomeriggio di Foligno, la sensazione è che quello non fosse un punto di partenza, ma purtroppo di arrivo. Nell’imminente kermesse 2019 che si terrà in Basilicata, infatti, la selezione campione in carica non potrà difendere il suo titolo. Il Comitato Regionale Piemonte e Valle d’Aosta ha preferito rinunciare alla partecipazione, al culmine di una stagione particolarmente travagliata e iniziata sin dal principio con il piede sbagliato. Una serie di raduni autunnali “bucati” a causa della scarsissima partecipazione di quelle, già di per sé, poche ragazze selezionabili, il disperato tentativo di coinvolgere alcune giocatrici del calcio a undici nei mesi invernali e un’assenza totale di amalgama e organizzazione che si è progressivamente percepita. Inutile ricercare colpe e colpevoli, la distribuzione non può che essere frammentaria in casi come questi. Certo, allargando un po’ lo sguardo, è evidente quanto il movimento femminile regionale stia attraversando un momento critico dopo varie stagioni di crescita, il cui apice è stato indubbiamente quel pomeriggio di Foligno. Un campionato di Serie C ai minimi termini che nei prossimi weekend definirà chi tra Pasta e Santa Rita conquisterà il titolo regionale, una Coppa mai disputata per assenza di partecipanti, un’attività giovanile di fatto nulla e “salvaguardata” esclusivamente dalle belle prestazioni dell’Aosta nel Campionato Nazionale Under 19. Indizi evidenti di una situazione al limite del collasso e con prospettive per l’immediato futuro decisamente oscure. Proprio nei mesi in cui il calcio ha conquistato anche lo Juventus Stadium, il futsal sembra invece precipitato in un baratro senza fondo. Restituire dignità e struttura al movimento e ricostituire una Rappresentativa Femminile in vista del Torneo delle Regioni 2020 in programma in Veneto devono essere considerati ora più che mai obiettivi prioritari.