Lecco in silenzio, scricchiola la panchina di Arellano

arellano lecco
La posizione da player-manager di Esteban Arellano è a forte rischio

Dopo la pesante debacle di Aosta, il Lecco si interroga sul suo stato di crisi: la panchina di Esteban Arellano sempre più a rischio

Un silenzio assordante. Dopo la batosta di Aosta, il Lecco è ufficialmente in silenzio stampa, in attesa di provvedimenti. Così recita il comunicato stampa diramato dalla società della presidentessa Elena Ionel. Una stagione anonima, quella dei ragazzi di Arellano, con sei sconfitte maturate fino adesso e un settimo posto nel Girone A di Serie B che fa scattare l’allarme rosso. Ad inizio stagione erano stati fissati altri obiettivi, ben più ambiziosi, adesso il primo posto è distante tredici punti, ma questo è un altro discorso, mentre dopo la sconfitta di Aosta anche il Pavia ha messo la freccia del sorpasso in classifica. Se oggi finisse il campionato il Lecco sarebbe tagliato fuori anche dai playoff. Una situazione pesante per la dirigenza lecchese, tanto da descrivere la trasferta ad Aosta con un “incommentabile” che fa pensare a decisioni forti per cercare di dare una svolta ad una stagione che ha fino adesso regalato poche emozioni. In questo contesto la posizione di Esteban Arellano viene messa sotto la lente di ingrandimento. Nelle prossime ore si attendono sviluppi in merito, con la possibilità concreta che venga sollevato dall’incarico di allenatore e che la pista estera per la sua sostituzione possa prendere corpo.