Lnd, ripresa facoltativa dei campionati ma quota di iscrizione obbligatoria per tutti

(Foto: Simone Spaduzzi)

Scoppia il malcontento nella Lnd tra le società che hanno optato per non riprendere l’attività: sono obbligate a pagare la quota di iscrizione

Tra le tante problematiche inerenti alla ripresa dei campionati regionali si aggiunge anche quella inerente alla quota di iscrizione. Nel Consiglio Direttivo della Lnd è stato deciso, per tutte quelle società iscritte ai campionati di serie C1 maschile e serie C Femminile, anche l’obbligatorietà di sostenere il costo della quota di iscrizione anche se si è optato di non riprendere l’attività.

In un comunicato stampa il presidente del Comitato Regionale Piemonte-Valle d’Aosta Christian Mossino aveva evidenziato la problematica: “In merito alle quote di iscrizione che la LND chiederà di pagare anche alle Società dei Campionati di interesse nazionale che non intenderanno ripartire, Il Presidente Mossino ha espresso il suo voto contrario non ritenendo consono imporre obblighi economici a carico delle Società per un servizio non utilizzato.  Purtroppo, anche avendo difeso questa posizione la delibera è stata assunta a maggioranza.

LEGGI ANCHE – LND, CR PIEMONTE: LA POSIZIONE DI MOSSINO SULLA RIPRESA DEI CAMPIONATI REGIONALI

Il Comitato Regionale Lombardia del presidente Carlo Tavecchio, che ha ricevuto il semaforo rosso dalle società nel riprendere i campionati, ha comunicato le date delle rate da versare per saldare la quota di iscrizione: Per quanto riguarda le Società AVENTI TITOLO a partecipare ai Campionati apicali Regionali 2020/2021 di “preminente interesse Nazionale“, di Calcio a 11 e di Calcio a 5, sia maschili che femminili, in ottemperanza a quanto deliberato dal Consiglio Direttivo di Lega dello scorso 10 Marzo, le stesse dovranno provvedere al versamento delle quote, nella misura dovuta, alle seguenti scadenze:

Seconda rata: entro il 31 Marzo 2021

Terza rata: entro il 30 Aprile 2021

Saldo: entro il 20 Maggio 2021