Lo spareggio per la B sorride al Time Warp

Time Warp festa c1
foto Alberto Gandolfo

Un folle e incredibile spareggio promozione regala la serie B al Time Warp dopo i calci di rigore

Profetiche le parole del Direttore Generale del Castellamonte Biagio Montesano. Ad agosto indicò nel Time Warp la vera antagonista alla promozione diretta. Dopo circa otto mesi ecco che tutto si materializza, in un sabato semplicemente pazzesco. Basti pensare che nei sei minuti di recupero della ripresa, succede tutto quello di emozionante che questa disciplina possa offrire. Per la prima volta il Castellamonte, dopo aver rincorso nel punteggio i cuneesi e subendo per due volte il doppio svantaggio, riesce a ribaltare la situazione. Merito di uno scatenato Rodriguez e demerito dei biancoverdi incapaci di chiudere in anticipo il discorso promozione. I sei minuti di recupero però sembrano interminabili per i canavesani che di fatto si vedono condannati. Prima Lopes non riesce a temporeggiare e concede il rigore al Time Warp con annesso secondo cartellino giallo: dal dischetto Minchillo, puntonata centrale e parte alta della traversa colpita. Finita? Macché. Granata esige il triplice fischio finale ma come risposta si vede sventolare il rosso diretto. Il cronometro scorre e ancora Cossotti (tripletta) nell’ultimo assalto dei cuneesi, riesce a ristabilire la parità dopo una serie di rimpalli in area di rigore. 5-5 ma mentalmente il Castellamonte è al palo. Senza Lopes e Granata, con Loverre uscito anzitempo per infortunio, i bianconeri cercano e trovano la lotteria dei rigori. Monti non riesce ad ultimare una prestazione super, facendo esaltare i riflessi di Fabbri. Bignante invece non sbaglia. E che la festa abbia inizio. Questa volta è davvero finita. Mani in faccia per tutti: chi per la gioia, chi per la disperazione.