Mansueto: “Statte una grande famiglia, orgogliosa di questa maglia”

nicoletta mansueto
Nicoletta Mansueto in maglia Azzurra (foto nocigazzettino.it)

Protagonista della diretta Instagram della Divisione calcio a cinque è stata Nicoletta Mansueto, giocatrice del’Italcave Real Statte

Dopo l’appuntamento con Aida Xhaxho prosegue il viaggio nel mondo del futsal femminile con le dirette Instagram della Divisione calcio a cinque che ha avuto in Nicoletta Mansueto il dolce volto di giornata. La giocatrice pugliese è tornata in famiglia nella sua Noci per vivere il periodo di obbligo casalingo: “Ho lasciato Noci a 15 anni: era da nove anni che non stavo così tanto in casa mia e adesso ne esco solo grazie al mio cane Ettore. Passo questi giorni tra Playstation, videochiamate e Netflix, tra tutte le serie Narcos resta la mia preferita. Comunque seguo la mia scheda d’allenamento e utilizzo il mio Ettore come “peso” da sollevare. Anche nei momenti di maggiore distanza, come quando giocavo a Montesilvano, la mia famiglia però è sempre stata presente: ho iniziato a 6 anni con la scuola calcio e mia mamma non voleva per niente: mi ha fatto fare di tutto, piscina, danza, poi per fortuna mio papà l’ha convinta a farmi fare esclusivamente calcio a 9 anni”.

Resta molto distante l’idea campionato anche se la sua Italcave Real Statte è al comando della Serie A in rosa: “Il segreto? Non saprei, senza dubbio la sincerità è alla base di tutto, un punto di forza della società e di mister Tony Marzella. Statte è una grande famiglia e dopo quattro anni sono ancora felicissima di indossare questa maglia. Però la prima cosa che farò appena sarà tutto finito sarà rivedere gli amici e condividere con loro qualcosa. Sarà un urlo liberatorio poter già ricominciare a giocare. Poi vincere o non vincere lo Scudetto a quel punto sarà meno importante che tornare alla nostra vita”.

Nicoletta Mansueto ha anche un passato di livello nel calcio a undici ma “se oggi me lo chiedessero, comunque non tornerei indietro e non lascerei il calcio a 5. Anche per il percorso fatto con la Nazionale: aver indossato la maglia Azzurra è la più grande soddisfazione della mia carriera, anche se mi rimane un pizzico di delusione perché continuo a notare una differenza di genere tra maschi e femmine”.