Connettiti con noi

Serie B

Migliano Minazzoli spaventa il campionato

Pubblicato

su

Il ritorno del figliol prodigo Migliano Minazzoli spinge il Real Cornaredo in una corsa al vertice sempre affollatissima

Difficile vedere le stesse posizioni di classifica per più di una settimana consecutiva in un Girone A di Serie B che continua a essere estremamente equilibrato: con un finale al cardiopalma, la L84 riacciuffa il Città di Asti e si conferma capolista non più solitaria ma in coabitazione con il Saints Pagnano. I ragazzi di Battaia accarezzano il sogno di portare a casa l’intera posta in palio, ma negli ultimi ottanta secondi, prima Iovino e poi De Lima, rovinano la festa a Celentano e compagni. Rallenta la L84, ma non il Saints Pagnano che non fa sconti al Time Warp e festeggia nel migliore dei modi l’esordio nel palasport di Merate, grazie anche alle triplette di Mauri, Zaninetti e Bertino. Real Cornaredo (trascinato dalla tripletta del figliol prodigo Migliano Minazzoli, di rientro dal Milano) e Videoton Crema fanno valere il fattore campo, ai danni di un Lecco che dopo l’esonero di Marco Seghetti deve ancora centrare il primo successo, e del Bergamo incapace di dare seguito alla vittoria contro la MyGlass Elledì Carmagnola.

Clicca qui per classifica e classifica marcatori

Clicca sulle partite per i tabellini

Città di Asti-L84

Rhibo-MyGlass (con highlights video)

Domus-Aosta

R.Cornaredo-Lecco (con highlights video)

Saints-Time Warp

Videoton-Bergamo (con highlights video)

Quest’ultima esce indenne da Fossano nonostante il doppio vantaggio, ma la Rhibo è abile a non scomporsi e a ribaltare il risultato con il ritrovato Dotto. Nel finale però Oanea evita il secondo stop consecutivo per i gialloneri, ma la compagine di Beppe Visconti ha messo in mostra i primi segnali di continuità di rendimento e abbandona così l’ultimo posto in classifica. Continua la striscia positiva della Domus Bresso di Alberto Ferri, arrivata alla terza vittoria consecutiva e balzando così in piena zona playoff. L’ultima vittima dei lombardi assume le sembianze dell’Aosta, cui non è bastato il poker di Pellegrino e che nei giorni scorsi ha dovuto assorbire la dura notizia relativa alla rottura del legamento di Tiago Calli.