Parvopasso non le manda a dire: “Annullare tutta la stagione? Un’assurdità”

parvopasso allenatore val d lans
Il tecnico del Val d'Lans Eugenio Parvopasso (foto Facebook Val d'Lans - Sergi, Il Risveglio del Canavese)

Eugenio Parvopasso, tecnico dominatore della stagione in Serie C1 con il Val d’Lans espone il suo pensiero sul possibile annullamento dei campionati

Non c’è dubbio che l’eventuale azzeramento della stagione equivarrebbe a vivere un incubo sportivo o giù di lì per Eugenio Parvopasso. Il suo Val d’Lans ha infatti sin qui dominato il campionato di Serie C1 e poteva guardare con fiducia alla promozione diretta in Serie B. Le sue parole rilasciate ai profili social ufficiali della società lanzese lasciano pochi dubbi interpretativi sulla sua opinione: «Annullare tutto e ripartire da capo, come se nulla fosse, a settembre? Un’assurdità. In fondo mancherebbero soltanto sei giornate e ne abbiamo già giocate sedici: stiamo parlando praticamente di due terzi della stagione. Non ci sono dubbi sul fatto che in questo momento il calcio a 5, e in generale lo sport, debba passare in secondo piano. Ma una volta finita l’emergenza si potrebbe ripartire e tornare a giocare, in modo da non falsare i campionati. Ci sono società che hanno investito migliaia di euro, grazie anche all’aiuto degli sponsor: se non si dovesse ricominciare, vorrebbe dire aver buttato al vento sudore e denaro. E questo non è accettabile. Guardo soprattutto in casa nostra: abbiamo conquistato 42 punti su 48 totali, con sei lunghezze di vantaggio sulla prima inseguitrice, per di più senza aver mai perso una partita. Senza dimenticare la vittoria in Coppa Piemonte. Non è accettabile far finta che le gare disputate tra settembre e febbraio non si siano mai giocate. Aspettiamo quindi di lasciarci il peggio alle spalle: una volta terminata l’emergenza Covid-19, anche il futsal può e deve contribuire al rilancio del nostro Paese»