Pedro Siqueira, le mani sicure dell’Aosta: «Real San Giuseppe esperto, ma non abbiamo paura»

pedro siqueira aosta
Pedro Siqueira è già diventato una certezza per l'Aosta

Venerdì mattina l’Aosta di Pedro Siqueira esordirà nella Final Eight Coppa Italia Serie B: il primo ostacolo sarà il fortissimo Real San Giuseppe di Borsato e Bico Pelentir, di Manfroi e Ghiotti

Un evento che a molti fa invidia, è un lusso per chi invece può partecipare. Se poi non hai nemmeno vent’anni compiuti, allora è un privilegio per pochi: Pedro Henrique Siqueira è pronto a vivere un’esperienza importante come la Final Eight di Coppa Italia Serie B, un traguardo importante per l’Aosta 511. Lui ha le chiavi della porta sia in prima squadra che nell’Under 19 e, nonostante la carta d’identità (8 aprile 1999), è già uno dei punti di riferimento della società valligiana. «Essere tra le migliori otto è la testimonianza più eloquente della nostra crescita, ma non ci vogliamo di certo fermare». Siqueira non si vuole accontentare. A Campobasso l’Aosta non si sente arrivata ma vuole continuare a stupire. Per farlo dovrà superare venerdì mattina l’ostacolo Real San Giuseppe: «E’ una squadra che ha sicuramente più esperienza di noi, ma noi dobbiamo puntare sulla nostra voglia di fare bene. Non dobbiamo aver paura di loro, ma solo rispetto. Giocare alle 11 di mattina non è un problema, anche perché siamo abituati con l’Under 19 a giocare in questi orari». L’Aosta non ha nulla da perdere e il numero uno ha un unico obiettivo: «Non poniamoci limiti, vogliamo continuare a sorprendere». Idee chiare per l’estremo difensore verdeoro, sempre più decisivo e sempre più certezza: «Sto molto bene ad Aosta. Devo ancora migliorare ma questa per noi è una stagione positiva. Il quarto posto in campionato lo dimostra, ma anche qui puntiamo a scalare qualche posizione in classifica». Siqueira punta in alto, ma non dimentica affatto le sue origini: «Se ho fatto tutto questo è grazie soprattutto alla mia famiglia, mio papà Fernando, mia mamma Ariane, e i miei fratelli Matheus e Lucas». Quest’ultimo protagonista con il Maritime Augusta nell’Under 17 e 19.