Real Rieti, serata di regali all’Axed Group

latina real rieti
Prime gioie per l'Axed Group Latina (foto Facebook Latina calcio a 5)

Un derby laziale folle quello che visto il Real Rieti comandare a lungo salvo poi regalare l’impossibile al Latina

Torna a ribollire di passione il Pala Bianchini dopo le note vicissitudini che hanno costretto il Latina a ritrovare il parquet di casa solo alla quarta giornata. Ma il primo guizzo è degli ospiti che con il sinistro al volo di Nicolodi sbloccano rapidamente il punteggio. Ed è lo stesso numero 21 a raddoppiare con un diagonale sinistro chirurgico a coronamento di una perfetta ripartenza dei sabini. Real Rieti che però si complica un po’ la vita da solo, malgrado il richiamo di Bellarte, concedendo un tiro libero che Bernardez realizza alla perfezione. Illusione nerazzurra che non dura granché, perché un’altra transizione fulminante consente a Rafinha di triplicare. Ma è una sciocchezza di Nicolodi a rimettere in pista l’Axed Group che si riavvicina ancora con un rigore del solito Bernardez. E scena che si ripete poco dopo con di fatto gli stessi protagonisti nel male (Nicolodi) e nel bene (Bernardez), per un 3-3 che davvero sembrava impensabile per come Rieti stava dominando tatticamente la gara.

Clicca qui per il tabellino della gara

Clicca qui per la nuova classifica

Di regalo in regalo, tocca a Jesulito presentarsi al tiro libero e regalare l’ennesimo vantaggio ai suoi, mentre pochi secondi dopo Bernardez stavolta coglie il palo. E per concludere un folle prime tempo, ecco il secondo giallo per simulazione a Nicolodi che costa il nuovo pareggio a inizio ripresa in virtù della rete di Diogo. Ma il copione non cambia ed è Joaozinho a segnare il quinto gol reatino beffando un impreciso Landucci, prima che Battistoni sigilli la nuova parità. Tocca poi a Hector iscriversi nella lista dei Babbo Natale, beccandosi un rosso e regalando un rigore che Diogo trasforma per il primo vantaggio dell’Axed Group, che resiste contro il portiere di movimento di Bellarte e regala la prima gioia al rinato PalaBianchini.