Rosato, la verità sul trasferimento alla Tenax: “Non ho mai firmato per loro”

Lorenzo Rosato (Foto: Massimo Iori)

Il pivot della Real Dem, Lorenzo Rosato, risulta essere un neo giocatore della Tenax Castelfidardo ma lui stesso afferma di non aver mai firmato il trasferimento

Succede anche questo ai tempi del covid. Lorenzo Rosato è finito in questo periodo al centro di un caso in cui burocrazia e normative la fanno da padrona. La Tenax Castelfidardo (girone C di serie A2) afferma che il giocatore sia di sua proprietà, ma in primis il giocatore stesso e successivamente la Real Dem (girone G di serie B), affermano l’esatto contrario: “Non ho mai firmato quel trasferimento e non so nemmeno chi sia stato a farlo al posto mio”. Nel frattempo il giocatore ha formalizzato denuncia all’Assocalciatori, mentre la società abruzzese ha presentato denuncia alla FIGC. Dal canto suo la Tenax inibisce e diffida il giocatore nel scendere in campo con la maglia del Real Dem e si sente vittima di un’ingiustizia sportiva. A metà di ottobre i marchigiani invitano il pivot classe 1999 a Catelfidardo. Il giocatore piace, tanto da far partire la proceduta di tesseramento. Sembra fatto il trasferimento ma il giocatore non è convinto e decide di rimanere in Abruzzo: “La firma io non l’ho mai fatta”. Eppure, nonostante le parole di Rosato, il giocatore viene dichiarato di proprietà della Tenax Castelfidardo. Nel frattempo il giocatore scende in campo con la maglia della Real Dem e si rende protagonista con una tripletta del successo (4-2) contro la Chaminade. Il risultato viene omologato e scatta la rabbia della società marchigiana: “Chiediamo l’inibizione dello stesso Lorenzo Rosato dallo scendere in campo nelle prossime gare che la REAL DEM disputerà. Identicamente, diffidiamo il suddetto Lorenzo Rosato, ribadiamo nostro tesserato, a disputare sedute di allenamento con la società REAL DEM stessa. Nel caso in cui tale nostro tesserato continui a giocare o ad allenarsi con la società REAL DEM, INFORMIAMO a tutela del nostro interesse e della nostra immagine, che saremo costretti ad agire per vie legali sia nei confronti del nostro tesserato Lorenzo Rosato, che della società REAL DEM, che di tutte le società che permetteranno che lo stesso giocatore venga schierato nelle gare ufficiali nella quali sfideranno la REAL DEM, senza che venga messo in atto un annesso ricorso avverso rispetto al risultato acquisito sul campo. Di fatto, precisiamo che considereremo tutte le società che permetteranno che il nostro tesserato Lorenzo Rosato scenda in campo nelle gare che le vedranno affrontare la società REAL DEM, colluse e concordanti rispetto all’incredibile nonché paradossale situazione di ingiustizia sportiva che stiamo vivendo”. Sono attesi sviluppi nelle prossime settimane.