Scarpitti nuovo tecnico dell’Acqua&Sapone: “Una grande sorpresa per me”

scarpitti allenatore
Fausto Scarpitti nuovo tecnico dell'Acqua&Sapone (foto facebook CMB)

Arriva la nota ufficiale dell’Acqua&Sapone che comunica l’assunzione di Fausto Scarpitti come nuovo tecnico dopo l’addio di Max Bellarte

Una trattativa lampo che si è conclusa con il lieto fine: Fausto Scarpitti è il nuovo allenatore dell’Acqua&Sapone. Il tecnico molisano è stato uno tra gli artefici del “miracolo” Signor Prestito CMB, ma di fronte all’offerta della società abruzzese, da pochi giorni orfana di Max Bellarte, non c’è stato molto da pensare. Entusiaste, e non potrebbe essere altrimenti, le prime parole, del tecnico al sito ufficiale acquaesaponec5.it: “Mi è arrivata la chiamata dell’Acqua&Sapone Unigross e, in un giorno e mezzo, è cambiato tutto. L’ad Tony Colatriano mi ha chiesto la disponibilità a parlare, con grande correttezza nei confronti del CMB. E’ stata una grande sorpresa. Sapevo che l’Acqua&Sapone cercasse un tecnico, ma non mi aspettavo che volesse investire e scommettere su un profilo come il mio. Ho dato la disponibilità perché ero entusiasta, è stato facile trovare un accordo. Ambizioni e storia di questo club sono uno stimolo enorme per accettare la sfida. Io volevo continuare a crescere e passare alla guida di una società del genere: è un passo avanti importante nella mia carriera. E non lo ritengo un punto d’arrivo, anzi una nuova partenza per andare ancora avanti. Bisognerà lavorare duro, confrontarsi contro corazzate e squadre importanti, sapendo che rappresenteremo una società storica che ha scritto pagine memorabili del futsal italiano degli ultimi anni”.

Dopo i rinnovi già certificati di Stefano Mammarella e di capitan Murilo, l’attenzione si sposta sul roster anche per Fausto Scarpitti: “La base che mi è stata proposta dalla società è formata da un gruppo di giocatori importanti, che hanno dimostrato, ma che hanno ancora tanto da dimostrare. E’ la linea che la società vuole portare avanti, e io sposo a occhi chiusi. Lavorare con gente che abbia fame e voglia affermarsi e crescere, come nelle ambizioni di tutti noi. Abbiamo condiviso la volontà di creare un gruppo affamato, che voglia lottare ogni partita con forza e vigore. Non posso garantire risultati, ma lavorerò forte per creare un’identità di squadra che abbia questa caratteristiche: voglia di vincere su ogni campo e intensità nel gioco”.