Sibilia preoccupato per le società: “I danni potrebbero essere enormi”

sibilia torneo delle regioni 2018
Il presidente della LND Sibilia (foto torneodelleregioni.lnd.it)

I presidente della Lega Nazionale Dilettanti Sibilia non nasconde la sua preoccupazione per il futuro di molte società

Cosimo Sibilia è il punto di riferimento di tutte le società dilettantistiche nazionali, motivo per cui le sue esternazioni non possono lasciare indifferenti. Il numero uno della Lega Nazionale Dilettanti, interpellato dall’agenzia Italpress, ha esternato le sue preoccupazioni per il futuro delle nostre società, oltre a ribadire il concetto di non voler assegnare promozioni e retrocessioni a tavolino: “Noi siamo stati tempestivi nel bloccare le attività, l’ho detto a più riprese: avevamo il dovere di fermarci perché il nostro movimento non è fatto solo di persone che giocano a calcio. Organizziamo oltre 500 mila partite all’anno e ciò si traduce in un esercito che si sposta in ogni angolo d’Italia. Il quadro è complicato ed in questo momento non possiamo che attenerci alle misure di contenimento dell’epidemia. Saranno i medici e le autorità competenti a dirci come e quando si potrà tornare ad allenarsi e a giocare. Come LND, finché ci saranno le condizioni, si cercherà di concludere i campionati, perché il giudice dovrà essere il campo. Si parla molto e ci si interroga sulle difficoltà del calcio professionistico, ma in pochi si ricordano delle conseguenze di questo stop per il mondo dei dilettanti. La ripresa sarà complicata e i danni, per un movimento che svolge un’opera sociale oltre che sportiva unica in Italia, potrebbero essere enormi. Per questo siamo seriamente preoccupati per il futuro. La sopravvivenza di tantissime realtà è seriamente in pericolo se non arriveranno aiuti concreti da parte delle istituzioni”.