Sostegni ai collaboratori sportivi: sono tanti quelli rimasti a bocca asciutta

(Foto: www.pesarocalcioa5.it)

Continuano le lamentele dei collaboratori sportivi in merito ai sostegni economici negati per aver svolto un’attività lavorativa nel 2021

C’è chi anche non ha volutamente riscontrato la mail di Sport e Salute per la conferma dei presupposti per timore di essere cancellato per sempre dalla lista dei beneficiari. I lavoratori dello sport e i collaboratori sportivi sono rimasti a bocca asciutta. E’ bastato anche svolgere solo per qualche giorno una mansione lavorativa nei primi tre mesi del 2021 che l’indennizzo non verrà riconosciuto da Sport e Salute. Tutto questo perché l’indennizzo è una tantum comprensiva di gennaio, febbraio e marzo 2021 e non può essere diviso per ciascun mese. Così se un collaboratore sportivo al netto di un periodo lavorativo anche molto limitato non avesse percepito compensi per oltre due mesi non gli verrà comunque bonificato alcun indennizzo dall’ente predisposto all’erogazione. In questo contesto c’è comunque una parte di beneficiari che in questi giorni ha ricevuto l’indennizzo previsto dal decreto sostegni del Governo Draghi.