Xhaxho casa e cucina: “Orgogliosa per l’aiuto della mia Albania”

xhaxho montesilvano
Aida Xhaxho (foto Facebook Montesilvano c5 Femminile)

Nel terzo appuntamento settimanale delle dirette Instagram della Divisione calcio a cinque è stata protagonista Aida Xhaxho, giocatrice del Montesilvano

“Più forte nel futsal o nel beach soccer? Forse ai fornelli…” La simpatia e il sorriso di Aida Xhaxho hanno tenuto banco nell’appuntamento quotidiano delle dirette Instagram della Divisione calcio a cinque. “Mi sono anche truccata per l’occasione, non lo facevo da venti giorni – esordisce con il botto la giocatrice del Montesilvano – Per me non è una vacanza ovviamente, però adesso sfrutto al meglio la giornata: sto preparando la tesi di laurea con argomento l’allenatore nei settori giovanili, una mia grande passione. E poi sto imparando a cucinare, pensate che sono riuscita a fare anche le Girelle… E dire che quando abitavo con Leticia Martin Cortes a Firenze riuscivo a malapena a preparare bresaola e rucola…”.

L’attualità, ovviamente, è però sacrificio, pazienza, ma anche orgoglio per le origini albanese: “Noi siamo comunque privilegiati, perché stiamo bene e non siamo in prima linea in questa emergenza. Sono orgogliosa per l’aiuto della mia Albania. Il presidente Rama l’ha fatto di cuore e tutto il popolo albanese riconosce l’accoglienza che gli italiani ci hanno saputo dare. Io in qualche modo continuo ad allenarmi: con un tappetino, due pesetti e una palla riesco a fare praticamente tutto e ora sto addirittura scoprendo i nomi dei vari esercizi. Un peccato, perché ci siamo risvegliate da un sogno, ovvero la vittoria in Coppa Divisione ed è un peccato perché potevamo giocarci anche il campionato. Per quanto, io comunque spero di poter concludere la stagione”.

Per la numero 19 “ma solo perché Eva Ortega quest’anno non mi ha voluto concedere la 14, scelta perché Johan Cruijff era il giocatore preferito di mio papà” c’è anche il tempo per uno sguardo su compagne e avversarie, scegliendo i quintetti preferiti: “In porta Ana Carolina Sestari, portiere e ragazza straordinaria, una che lavora moltissimo sul suo talento. Da ultimo metto Taty, per me la più forte in assoluto in marcatura, poi sui laterali scelgo Debora Vanin e Jessika Manieri, mentre da pivot dico Lucileia. Le giocatrici più forti con cui abbia mai giocato però sono Roberta Maione, una scheggia impazzita, e Fatima Rodrigues, spettacolare per tecnica e fantasia”. E non poteva mancare un passaggio sulla Nazionale Italiana: “Parlarne mi commuove sempre, il percorso fatto in questi anni è stato di crescita esponenziale. Il mio quintetto preferito tra le Azzurre? In porta Marika Mascia, centrale Cecilia Barca, laterali Jessica Exana ed Ersilia D’Incecco, come pivot Alessia Grieco…mmm però ho fatto una squadra di un metro e mezzo d’altezza…”. Sorriso che conquista, simpatia e spontaneità: un meraviglioso ciclone chiamato Aida Xhaxho.