Zannoni si confessa: “L84 favorita per la prossima A2”

zannoni città di mestre
(foto ufficio stampa città di mestre)

Stiven Zannoni era già stato ufficialmente confermato dal Chiuppano, ma con una netta inversione di marcia ha sposato il progetto mestrino

Quello legato a Stiven Zannoni è stato uno dei casi di mercato del mese, chiuso definitivamente con l’annuncio del passaggio al Città di Mestre, giustificato così dallo stesso giocatore al sito cittadimestre.it: “Ho fatto la serie A2 per molti anni. La scorsa stagione abbiamo vinto il campionato di serie A2 con il Chiuppano e io avevo espresso il desiderio di giocare in A1. Ma quando per vari motivi il Chiuppano ha deciso di non fare il salto di categoria sono venuti meno alcuni stimoli che mi spingevano a proseguire la mia carriera con loro. È una società a cui sono molto legato, perché oltre agli ultimi tre anni avevo già fatto dal 2009 al 2011, ma alcune volte bisogna fare delle scelte, un giocatore ha bisogno di forti motivazioni, di nuove sfide e quella con il Campello Motors mi sembra quella giusta. La società mi ha positivamente impressionato, così quando è arrivata l’offerta non ho potuto che accettare. Arrivo in una rosa competitiva in cui trovo già un mio ex compagno di squadra Quinellato, ma anche tanti giocatori che conosco come BordignonCrescenzo Luca Mazzon con cui ho giocato a Villorba. Poi Villano ha giocato con me in Rappresentativa tanti anni fa, senza dimenticare Ciro Peron. Ci vogliono le giuste componenti. Occorre che i giusti meccanismi si incastrino alla perfezione. Ma non escludo che possiamo anche arrivare ai play off. Ma ci vogliono tutte le condizioni ideali. Che non ci siano infortuni e mettiamoci anche una buona dose di fortuna. Ci sono, insomma, tante cose che devono incastrarsi, ma il potenziale c’è. Sono tanti anni che faccio la categoria e quest’anno, per come è andato il mercato, la favorita sarà la L84. Poi c’è sempre qualche matricola che prende il largo. Magari pensi di fare un bel campionato e invece all’improvviso ti trovi al secondo o terzo posto, vedi il Villorba due anni fa, oppure il Chiuppano che da matricola è andato in finale contro l’Arzignano. Ogni squadra poi fa la sua storia, ma partiamo da buone potenzialità, con tanti giocatori che hanno fatto la categoria. L’entusiasmo c’è. Io porterò il mio agonismo sportivo, la mia cattiveria agonistica. Penso che possiamo fare bene. Partiremo per salvarci con umiltà. Poi quando avremo conquistato la salvezza vedremo dove siamo. Sognare non costa nulla. Io sinceramente non sono venuto qua per salvarmi! Non dico che possiamo vincere il campionato, ma sono sicuro che possiamo fare qualcosa in più. Auguro a tutti di disputare un ottimo campionato e non vedo l’ora di conoscere i miei nuovi tifosi!”.